Storia

Operazione "Eis Baer" o "Orso di ghiaccio"

Secondo vari dossier segreti declassificati di recente, ci fu un'operazione speciale della Marina da guerra tedesca che iniziò nella primavera del 1942. Riguardava azioni di esplorazione con sommergibili delle acque meridionali dell'Oceano Atlantico lungo la costa africana che va da Freetown a Città del Capo, e lungo la costa occidentale africana dell'Oceano Indiano e della penisola arabica che va da Città del Capo a Durban.

Nell’aprile del 1942 i sommergibili tedeschi U Boat U-68 e U-505 compirono delle prime osservazioni per cercare informazioni sul traffico navale nemico nell’area di mare compresa tra Città del Capo e Freetown, nell’ Oceano Atlantico. Appartenevano alla classe di U-Boat tipo IX C, ed erano supportati nella loro missione da un sommergibile da rifornimento. Anche se inizialmente questa area di oceano era stato riservato alle navi corsare e ai violatori di blocco di superficie.

A seguito di tale prima esplorazione dell’area, il 25 luglio 1942 l’Alto Comando della Kriegsmarine tedesca decideva di inviare nell’area in questione un primo gruppo di U-Boat, sollecitato anche dal fatto che i giapponesi erano arrivati a compiere azioni sommergibilistiche fino al Canale del Mozambico e poco fuori l’isola del Madagascar. Così nell’agosto del 1942, con l’Operazione “Eis Baer” o “Orso di ghiaccio”, un gruppo di U-boat tipo IX C, salpava per l’area di Città del Capo, questi erano:

  • U-172, comandato dal KapitanLeutnent (Tenete di vascello) Carl Emmerman, salpato dalla Francia il 19/8/1942 e che poi farà ritorno in Francia il 27/12/1942;
  • U-504, comandato dal KorvettenKapitan (Capitano di corvetta) Fritz Poske, salpata dalla Francia il 19/8/1942 e che poi rientrerà in Francia l’ 11/12/1942;
  • U-156, comandato dal KorvettenKapitan (Capitano di corvetta) Werner Hartenstein, salpato dalla Francia il 20/8/1942 e che poi vi farà ritorno il 16/11/1942;
  • U-68, comandato dal KorvettenKapitan (Capitano di corvetta) Karl-Friedrich Merten, salpato dalla Francia il 20/8/1942 e rientrato in Francia il 6/12/1942.

Il gruppo era supportato dal sommergibile da rifornimento U-459. Mentre era in rotta verso la sua destinazione, l’ U-Boat 156 silurava il 12/9/1942 la nave di linea britannica Laconia; così tale U-Boat veniva rimpiazzato dall’ U-159, originariamente destinato nel delta del fiume Congo. Era comandato dal KorvettenKapitan (Capitano di corvetta) Helmut Witte, salpato dalla Francia il 24/8/1942 e vi faceva ritorno il 5/1/1943. Così tale gruppo di U-Boat veniva rifornito dall’U-459 a circa 600 miglia a sud dell’isola di Sant’Elena; era il 23/9/1942. Poi l’ 8/10/1942 il gruppo degli U-Boat raggiungeva finalmente l’area intorno a Città del Capo. Verso la metà di ottobre, gli U-Boat U-172 e U-68 facevano ritorno a casa. Mentre gli U-Boat U-159 e U-504 fecero una capatina nelle acque intorno a Durban, prima di far ritorno in Francia. Quindi fu mandato un secondo gruppo di U-Boat tipo IX D / 2, i quali erano:

  • U-179, comandato dal FregattenKapitan (Capitano di fregata) Ernst Sobe, salpato dalla Germania il 15/8/1942 e che sarà affondato l’ 8/10/1942;
  • U-178, comandato dal Capitan zur See (Capitano di vascello) Hans Ibbeken, salpato dalla Germania l’ 8/9/1942 e che farà ritorno in Francia il 9/1/1943;
  • U-181, comandato dal KapitanLeutnant (Tenente di vascello) Wolfgang Lueth, salpato dalla Germania il 12/9/1942 e che rientrerà in Francia il 18/1/1943;
  • U-177, comandato dal KapitanLeutnant (Tenente di vascello) Robert Gysae, salpato dalla Germania il 17/9/1942 e che rientrerà in Francia il 22/1/1943.

Con una maggior autonomia, questi U-Boat si sparsero tra l’area di Città del Capo, quella di Durban, e nelle acque del Mozambico. Dopo che questo gruppo lasciava l’area, veniva rimpiazzato da una terza ondata di 5 sommergibili tedeschi tipo IX C, si trattava del gruppo U-Boat denominato “Seehund”:

  • U-506, comandato dal KapitanLeutnant (Tenente di vascello) Erich Wurdemann, salpato dalla Francia il 14/12/1942 e che vi farà ritorno l’ 8/5/1943;
  • U-509, comandato dal KapitanLeutnant (Tenente di vascello) Werner Witte, salpato dalla Francia il 23/12/1942 e fatto ritorno l’ 11/5/1943;
  • U-516, comandato dal KorvettenKapitan (Capitano di corvetta) Gerhard Wiebe, salpato dalla Francia il 23/12/1942 e fatto ritorno il 3/5/1943;
  • U-160, comandato dal KapitanLeutnant (Tenente di vascello) Georg Lassen, salpato dalla Francia il 6/1/1943 e che vi farà ritorno il 10/5/1943.
  • U-182, di tipo IX D / 2, l’unico di questo gruppo, comandato dal KapitanLeutnant (Tenente di vascello) Nicolai Clausen, salpato dalla Norvegia il 9/12/1942 e affondato il 16/5/1943, perdendo tutto l’equipaggio di 61 marinai, mentre cercava di rientrare in Europa.

Questo gruppo di U-Boat fu rifornito dal sommergibile per rifornimenti U-459, 600 miglia a sud di Sant’Elena tra il 29 gennaio e il 4 febbraio 1943. Questo gruppo di U-Boat veniva spostato, dopo essere rimasto per tutto il mese di febbraio 1943 intorno a Città del Capo, tra Durban e Laurenço Marques in Mozambico, schierandosi lungo le coste orientali dell’Africa e della penisola Arabica dell’Oceano Indiano. Per non aver potuto trovare navi da silurare, nel mese di aprile del 1943 l’intero gruppo di U-Boat faceva ritorno in Europa. Comunque il Comando sottomarini tedesco inviava ancora nelle acque di Città del Capo un altro gruppo di 8 U-Boat, di cui i primi due erano del tipo IX D / 1 e il resto erano del tipo IX D / 2, ed erano composti da:

  • U-180, comandato dal FregattenKapitan Werner Musenberg, salpato dalla Germania il 9/2/1943 e rientrato poi in Francia il 2/7/1943;
  • U-195, comandato dal KapitanLeutnant Heinz Buchholz, salpato dalla Germania il 20/3/1943 e rientrato in Francia il 23/7/1943;
  • U-198, comandato dal FregattenKapitan Werner Hartmann, salpato dalla Germania il 9/3/1943 e rientrato poi in Francia il 25/9/1943;
  • U-196, comandato dal KorvettenKapitan Eitel-Friedrich Kentrat, salpato dalla Germania il 13/3/1943 e rientrato poi in Francia il 28/10/1943;
  • U-181, comandato dal KorvettenKapitan Wolfgang Luth, salpato dalla Francia il 23/3/1943 e rientrato in Francia il 14/10/1943;
  • U-178, comandato dal KorvettenKapitan Wilhelm Dommes, salpato dalla Francia il 28/3/1943 e che farà rotta per l’ Indonesia a Penang il 26/8/1943; e che darà il via all’ ”Operazione Monsun”, ovvero alle operazioni dalla Kriegsmarine nell’Oceano Indiano, parallelamente ai sommergibili giapponesi i quali preferivano però operare nelle acque dell’Oceano Pacifico;
  • U-177, comandato dal KorvettenKapitan Robert Gysae, salpato dalla Francia il 01/4/1943 e rientrato in Francia il 1/10/1943;
  • U-197, comandato dal KorvettenKapitan Robert Bartels, salpato dalla Germania il 3/4/1943 e affondato il 20/8/1943 dopo essere stato danneggiato da un attacco aereo.

Da segnalare il fatto che l’ U-177 aveva in dotazione un “Bachstelze”, un piccolo elicottero con un osservatore a bordo, il quale farà si che sarà affondato una nave greca, la “Eithalia Mari”, il 5 agosto 1943.