Storia

Lo spionaggio psichico negli USA

Storia della guerra psicologica durante la guerra fredda USA-URSS, quando gli statunitensi utilizzarono alcune spie psichiche, e dei loro principali successi.

L'uso della parapsicologia e dei poteri Extrasensoriali a scopo di spionaggio ha precedenti probanti che risalgono, almeno per quanto se ne sa, ai tempi biblici; infatti nel Vecchio Testamento si racconta di come il profeta Eliseo usasse le sue facoltà ESP per salvare i solfati di Israele da cocenti sconfitte militari.

Poi con la guerra fredda tra l'ex URSS e gli USA si pensò di sfruttare e utilizzare particolari soggetti per penetrare nei luoghi e forsanche dentro le menti degli addetti a progetti top-secret. Tali esperimenti, detti di "remote viewing" ovvero di "visioni a distanza", alcuni soggetti dotati di poteri ESP proiettavano le loro menti anche su menti altrui per poter riuscire a provocarne follia, mutilazioni e quantaltro affinchè si riuscisse a creare caos e confusione in campo nemico.

Dietro a tutto questo, negli Stati Uniti, c'erano sia la CIA o "Central Intelligence Agency" e la DIA o "Defense Intelligence Agency", i quali nel 1970 commissionarono alla "Stanford Research Institute" di Menlo Park in California una serie di studi avanzatissimi e segretissimi, sotto la direzione di Russell Targ e Harold Puthoff che avevano già lavorato per la NSC o "National Security Agency" per rendere operativo il Progetto "Scanate" o "Scanning by Coordinates", "esplorazione mediante coordinate". Da allora il progetto cambiò più volte nome: "Grill Flame", "Center Lane", "Sunstreak", "Landbrober" e "Stargate". La sede scelta fu Fort Meade nel Maryland, dove fu organizzata una stazione per la visione psichica in cui vi lavoravano sensitivi addestrati dai servizi di sicurezza e informazioni dell'esercito americano.

Uno di queste spie psichiche fu Joseph McMoneagle che vi lavorò dal 1977 al 1984, fu uno dei primi sei col numero di codice "RV01", conosciuti come "The Naturals" e riuscì insieme ai propri colleghi a raggiungere dal 50 % all ' 85 % di successi, contribuendo alla comprensione di progetti e idee che erano solo nelle menti degli ideatori. I principali successi furono:

  1. scoprire il progetto di un importante ed innovativo sommergibile sovietico nel 1979;
  2. scoprire il luogo dove si trovavano rinchiusi i 52 ostaggi americani in Iran dopo il blitz all'ambasciata americana a Teheran nel novembre del 1979;
  3. scoprire i siti dei tests nucleari sovietici nella zona intorno a Semipalatinsk;
  4. la ricerca di tunnell segreti tra le due Coree;
  5. la localizzazione di un bombardiere sovietico Tupolev Tu.95 "Backfire" precipitato in Africa;
  6. l'assassinio del presidente della Corea del sud Park;
  7. i siti degli esperimenti nucleari cinesi;
  8. la cattura di una spia sovietica in Cina;
  9. la descrizione dettagliata dei centri di addestramento dei guerriglieri Hezbollah in Medio Oriente;
  10. individuare il generale Manuel Noriega: nel 1983, per ottenere le prove di un suo coinvolgimento in un traffico di contrabbando di armi; e nel 1989, prima del raid aereo su Panama;
  11. l'individuazione del nascondiglio del colonnello Gheddafi prima del raid aereo su Tripoli;
  12. scoprire il modo in cui un colonnello sovietico del KGB, che operava dal Sudafrica, trasmetteva i suoi messaggi segreti;
  13. il luogo dove era tenuto prigioniero il generale James Dozier, sequestrato in Italia nel 1981;
  14. scoprire una postazione radar a Dushanbè nel Tagikistan nel 1987;
  15. l'appoggio libico all'addestramento dei terroristi del PLD nel 1989;
  16. il nascondiglio segreto di Saddam Hussein durante la guerra del golfo nel 1991, mai individuato con i mezzi convenzionali.

E' bene ricordare che le autorità militari furono e sono tuttora meravigliati e scettici nell'impiegare spie psichiche, grazie anche al fatto che l'opinione pubblica, piuttosta scettica al riguardo, non ha mai visto di buon occhio tali esperimenti. Anche se i vertici militari americani, tra cui il generale Edmund Thompson, all'epoca vice-responsabile dei servizi informativi dell'US Army, erano dell'opinione di sfruttare al massimo le capacità psichiche nello spionaggio.
Questa stato di fatto durò fino al 1995 quando venne annunciata la chiusura di Fort Meade. Comunque già nel 1975 Stephen Schwartz del "Moebius Group" aveva condotto parallelamente uno studio approfondito sulla ricerca medianica e il remote viewing, lavorando inoltre con successo a creare un'interfaccia armi-cetacei per l'ONI o "Office of Naval Intelligence", sperimentando comunicazioni psichiche con i delfini, e a cui si ispirò Mike Nichols per realizzare il film del 1973 "Il giorno del delfino", tratto da un romanzo di Robert Merle, ed interpretato da George C. Scott e Paul Sorvino, dove si parla di un fallito attentato al presidente degli USA che doveva essere compiuto da un delfino ammaestrato.

Sempre nel 1975 l'Army Missil Command americana aveva incaricato l'ingegnere nucleare Thomas Bearden di stendere una relazione sulla possibilità del presumibile meccanismo che può condurre alla materializzazione servendosi dei poteri ESP. In pratica si trattava di un gruppo di persone dotate di poteri extrasensoriali che dovevano creare delle forme-pensiero con il fine ultimo di riuscire ad influenzare le menti delle singole persone e quindi di tutta una comunità.

Anche il cinema si è interessato a tale tematica producendo, come vedremo, avvincenti lungometraggi, di cui andremo a citarne alcuni tra quelli più significativi:

  1. "Brainstorm, generazione elettronica", del 1983, diretto da Douglas Trumbull, con Christopher Walken e Natalie Wood, dove un gruppo di scienziati riesce a realizzare una macchina che produce elettronicamente i meccanismi della telepatia; i servizi segreti, interessati al progetto, rimarranno però a bocca asciutta;
  2. "Dreamscape, fuga dall'incubo", del 1985, diretto da Joseph Ruben, con Dennis Quaid, Max von Sydow e Kate Kapshaw, dove un gruppo di agenti della CIA decide di uccidere il presidente degli USA con l'aiuto di uno squilibrato, dotato però di facoltà ESP che gli permettono di insinuarsi nei sogni di altre persone. Riuscirà a controbatterlo un altro sensitivo, ingaggiando con l'assassino una specie di guerra onirica;
  3. "La zona morta", del 1983, diretto da David Cronenberg, con Christopher Walken, Brooke Adams e Martin Sheen, tratto da un omonimo romanzo di Stephen King, dove una persona dotata di poteri ESP riesce a evitare che un politico guerrafondaio diventi presidente degli Stati Uniti;
  4. "Fury" del 1978, diretto da Brian de Palma, con John Cassavetes, dove Kirk Douglas cerca di salvare il figlio dotato di facoltà psichiche rapito da un gruppo di agenti CIA, ritrovandolo grazie all'aiuto di una ragazza dotata anch'essa di analoghe facoltà ESP;
  5. "Scanners" del 1982 diretto da David Cronrnberg, con Jennifer O'Neill e Patrick Mc Goohan, dove individuo con capacità ESP riesce a controllare perfino la rete telefonica; di tale film esiste anche un seguito, "Scanners 2 - il nuovo ordine" del 1990, diretto da Christian Dugway;
  6. "Firefox, Volpe di Fuoco" del 1982, diretto da Clin Eastwood, con lo stesso Eastwood e Freddie Jones, dove un pilota americano reduce dalla guerra in Vietnam sottrae ai sovietici un aereo le cui armi sono azionati da poteri telepatici.