Storia

Lee Oswald subì il lavaggio del cervello dal KGB?

In questo articolo si mette in risalto la possibilità che l'assassino del Presidente USA J.F.Kennedy possa aver subito, qund'era stato in URSS, il lavaggio del cervello, e che poi fosse stato usato come capro espiatorio per assassinare J.F.Kennedy, il Presidente statunitense.
Nato nel 1939 a New Orleans, Oswald nel 1956 abbandonava le scuole superiori per arruolarsi nei marines. Mediocre soldato, fu congedato nel 1959. Allora decideva di trasferirsi in URSS dove tentò, senza esito, di prendere la cittadinanza sovietica. Fu nel 1961 che conobbe Marina Nikolaievna Prusakova, sposandola. L'anno seguente, nel 1962, tornava in USA, con la moglie e la figlia June, stabilendosi a Dallas. Nell'aprile del 1963 attentava alla vita del candidato a governatore Edwin Walker. Nel settembre del 1963 si recò in Messico dove tentò inutilmente di ottenere il visto per andare a Cuba. In ottobre tornava a Dallas. Alle 12,30 del 22 novembre Oswald, secondo la Commissione Warren, uccise il presidente statunitense Kennedy e ferì il governatore del Texas John Connally. Dopo un'ora e un quarto fu arrestato fuori dal teatro Texas. Due giorni più tardi, mentre veniva trasferito dalla cella a una stanza riservata per gli interrogatori, veniva a sua volta ucciso con un colpo di pistola da Jack Ruby, titolare di un locale notturno di spogliarelli, il "Carousel".
Oggi in molti sono convinti che Oswald non solo non sparò a Kennedy ma che addirittura fosse una semplice pedina sacrificabile, utilizzata per il classico depistaggio. Inoltre si ipotizza che:
 
1) Oswald avesse subito, quando era emigrato in URSS, il classico lavaggio del cervello affinché fosse programmato per ritornare in USA e partecipare al complotto per eliminare il presidente USA J.F. Kennedy;
 
2) che la stessa moglie sovietica di Oswald non fosse altro che una "rondine" (gergo con cui si identificava una spia del KGB sovietico) e che controllasse l'operato del marito. In altre parole Oswald doveva essere per i cospiratori il capro espiatorio del programmato assassinio di J.F.Kennedy. (in merito si veda il film "JFK" del 1991 diretto da Oliver Stone e il film “Va e uccidi” (The Manchurian Candidate) del 1962, dove si anticipa la tragica fine di Kennedy.