Storia

Il Mossad

 mossad_logo

Storia del Mossad, uno dei più importanti e meglio considerati servizi segreti del mondo.

 

I servizi segreti dello stato d’Israele furono creati ufficialmente il primo aprile 1951, col governo di Ben Gurion, e ne fanno parte ancora oggi:

* il MOSSAD, è servizio civile,

* l’Agaf Modin o “Aman”, responsabile per la raccolta e analisi delle informazioni militari,

* lo “Shabak” o “Shin Bet”, competente per la sicurezza interna dello stato e controspionaggio,

* e il “La-kam” o “Dipartimento della ricerca”.

Il MOSSAD, il cui vero nome è “Ha-Mossad-le-Modin-ule-Taf-kigim-Meyuhadim”, ovvero “l’Istituto centrale per l’intelligence e le missioni e servizi speciali”, con sede a Tel Aviv e opera all’estero con circa 1200 agenti, di cui il reparto operativo in missione è denominato “kidon” [baionetta].

I suoi compiti sono la raccolta informazioni sull’antiterrorismo, occupandosi principalmente delle nazioni e organizzazioni arabe.

Questi i suoi dipartimenti:

1)      “Raccolta informazioni e spionaggio”;

2)      “Azione politica e relazioni diplomatiche”, tenendo rapporti con i servizi segreti delle nazioni che hanno rapporti diplomatici amichevoli con Israele;

3)      “Operazioni speciali”, chiamato “Metsada”, responsabile delle attività paramilitari;

4)      Il LAP [Lohama Psicologhit] che cura la guerra psicologica, la propaganda e la disinformazione;

5)      “Ricerche” che analizza le informazioni ottenute con l’intelligence;

6)      “Tecnologico”,  che sviluppa le tecnologie di supporto alle operazioni d’intelligence.

I principali direttori del MOSSAD furono:

* Reuven Shiloah, dal 1951 al 1952;

* Isser Harel dal 1952 al 1963;

* Meir Amit dal 1963 al 1968;

* Zvi Zamir dal 1968 al 1974;

* Yitzhak Hofi dal 1974 al 1982;

* Nahum Admoni dal 1982 al 1990;

* Shabtai Shavit dal 1990 al 1996;

* Danny Yatom dal 1996 al 1998;

* Efraim Valevi dal 1998 al 2003;

* Meir Dagan dal 2003 a oggi.